Le IOF hanno distrutto 50 mila unità abitative nel nord di Gaza

Gaza. Il capo del Comitato di emergenza municipale del nord di Gaza ha annunciato che le forze di occupazione israeliane (IOF) hanno distrutto 50 mila unità abitative e raso al suolo le reti di drenaggio e le strade nella maggior parte delle municipalità del nord di Gaza.

In una conferenza stampa di domenica, il presidente del Comitato ha dichiarato il campo di Jabalia un’area disastrata, facendo riferimento alla distruzione di 35 pozzi d’acqua, scuole e strutture dell’UNRWA, e avvertendo di un’imminente carestia che minaccia il nord di Gaza.

Ha chiesto alle Nazioni Unite e alle organizzazioni internazionali di intervenire con urgenza per prevenire la carestia e porre fine all’aggressione israeliana.

Venerdì scorso, le IOF si sono ritirate dal nord di Gaza dopo aver condotto una massiccia operazione militare durata 20 giorni, concentrandosi su Jabalya e il suo campo, dove la maggior parte delle case e degli edifici sono stati distrutti.