Le istituzioni palestinesi in Siria: 'I negoziati diretti concederanno altro spazio all'occupazione israeliana'

Damasco – InfoPal. In Siria, le istituzioni, gli organi, gli enti e i comitati palestinesi sono compatti nel condannare i negoziati tra Israele e l'Anp di Ramallah e patrocinati dagli Usa.

In un comunicato rivolto alla stampa, scrivono: “I responsabili palestinesi che si sono rivolti in direzione di Washington, non rispecchiano alcuna volontà popolare. La maggioranza del popolo palestinese si rifiuta di riconoscere questi negoziati; dalle fazioni politiche a quelle della resistenza, dalla società civile agli intellettuali, tutti – in patria come all'estero.

È proprio l'indifferenza dimostrata verso quelle che – nell'ultimo ventennio – sono state le reali volontà e istanze del popolo palestinese, ad aver prodotto la distruzione generale della causa palestinese, da ogni punto di vista. Pertanto, si ribadisce che il popolo palestinese non riconosce e non delega coloro che sono e saranno presenti ai negoziati.

Qualunque contenuto sarà respinto e non sarà considerato vincolante.

In quanto violazione del consenso nazionale e dell'esercizio politico, si tratta di un'ulteriore concessione all'occupazione israeliana: lo hanno preannunciato le condizioni poste nei giorni immediatamente precedenti agli incontri negli Usa.

Questi incontri faranno da copertura all'occupazione e alla repressione in Cisgiordania e accelereranno l'ebraicizzazione di al-Quds (Gerusalemme).

Illegittime, scelte del genere sono una pugnalata all'infanzia della Striscia di Gaza, a quella di Gerusalemme (anche i bambini sono minacciati di espulsione), alle migliaia di prigionieri e alle loro famiglie.

Sono negoziati che produrranno un'ulteriore divisione interna alla società e alle fazioni palestinesi.

A nessuna condizione svenderemo il diritto al ritorno e non rinunceremo mai a Gerusalemme e, anche questa volta, il nostro popolo di martiri e prigionieri sarà in grado di affrontare un'altra minaccia, rappresentata dai negoziati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.