Le lotte intestine palestinesi avvantaggiano Israele, che è pronta a sostenere Abu Mazen e a fornigli armi.

Il capo degli organi di intelligence israeliani, Yoval Diksin, e altri ufficiali, insieme ai comandi delle forze di occupazione stanno esercitando pressioni sul loro governo affinché sfrutti le recenti tensioni nei Territori palestinesi accrescendo la posizione del presidente dell’Anp Mahmoud Abbas nelle piazze palestinesi a discapito di Hamas.

I dirigenti israeliani, durante la sessione parlamentare di oggi, hanno invitato il loro governo ad afferrare al volo l’opportunità offerta dall’escalation di tensione all’interno dei territori palestinesi provocata dal documento dei prigionieri palestinesi e dalla delusione della popolazione per il mancato pagamento dei salari.

Fra le notizie riportate qualche giorno fa, si era appreso che il governo israeliano aveva approvato la proposta di rifornire il presidente Abbas di armi e munizioni necessarie per migliorare il suo status militare nei territori palestinesi, compreso il potenziamento delle sue guardie presidenziali dalle 1.500-2.000 unità alle 3.500.

Da parte sua, l’ex premier e capo del Likud, Binyamin Netanyahu, ha dichiarato che se Israele manterrà l’assedio fiscale e le pressioni sull’Anp, "il governo Hamas avrà i giorni contati".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.