Le reazioni di Hamas e del Jihad islamico alle minacce del ministro Barak.

 

Gaza – Infopal. Ieri, il ministro della Difesa israeliano Ehud Barak ha annunciato una vasta operazione militare contro la Striscia di Gaza: "La Pax israeliana. Barak: ‘Chiunque senta la mancanza delle operazioni militari a Gaza non deve preoccuparsi: arriveranno’."

Il movimento di Hamas ha risposto affermando che le minacce di una nuova guerra "sono sintomo del fallimento del governo sionista a far fronte alla fermezza della resistenza e del popolo palestinese".

Il portavoce del movimento, Fawzi Barhum, ha diramato un comunicato in cui afferma che quanto dichiarato da Barak "fa parte della sua campagna elettorale e di quella del suo partito, alla luce delle divisioni e delle spaccature politiche e militari interne".

Durante una trasmissione radiofonica, Nafith Azzam, dirigente di spicco del Jihad Islamico, ha invitato le fazioni palestinesi a riunirsi per "prendere una decisione. Il sentimento del governo di occupazione nei nostri confronti e verso il nostro popolo è di odio. La sua politica non cambierà, sia che vi siano trattative in corso sia che sia in atto una tregua. Perciò dobbiamo ritrovarci e discutere il da farsi e contattare l’Egitto, perché queste minacce sono un colpo agli sforzi per la tregua".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.