Le truppe israeliane invadono il campo di al-Far’a e impongono il coprifuoco. 3 ragazzi feriti.

Nablus – Infopal. Questa mattina, le forze di occupazione israeliane hanno invaso il campo profughi di Al-Far’a, a nord di Nablus. Fonti locali hanno riferito che 40 corazzati hanno fatto irruzione e imposto il coprifuoco. Ne sono nati scontri con giovani locali, che hanno tentato di proteggere l’area. 

Tre sono rimasti feriti: Mohammad Fu’ad Sawalmah, 22 anni, è stato colpito al petto e alla coscia da tre proiettili. Versa in gravi condizioni. Anche un bambino di 11 anni, Ihab Ghaleb Balaydah, ferito alla schiena, è grave.

Altri tre, residenti in cittadine vicine, sono stati arrestati durante un altro raid israeliano. 

Le fonti hanno reso noto che le truppe israeliane hanno costretto le donne a uscire di casa e a rimanere in strada, mentre lanciavano lacrimogeni. Parallelamente, alcuni giovani cercavano di impedire che i corazzati entrassero nelle vie del campo. Gli scontri sono scoppiati nel momento in cui i veicoli militari hanno raggiunto i blocchi stradali posti dai palestinesi.

Uno degli obiettivi delle ormai frequenti invasioni israeliane del campo profughi è dare la caccia a leader delle Brigate al-Quds, ala militare del Jihad islamico.

Tre adolescenti sono stati sequestrati dalle truppe israeliane a Beit Iba e Kafr Qalil.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.