‘Lecito uccidere non ebrei’. Parola del rabbino capo di Qiriyat Arba’

Al-Quds (Gerusalemme) – Pal-InfoEsponenti religiosi ebrei in Israele tornano ad incendiare gli animi popolari lanciando pareri che rischiano di innescare ulteriore violenza. 

Dall'alto della propria carica, il rabbino capo di Qiriyat Araba' (al-Khalil/Hebron) ha rilasciato un parere che renderebbe lecita l'uccisione di non ebrei. 

Quella del rabbino Dov Lior giunge a valore vincolante dopo quella di altri suoi colleghi che avevano chiesto l'uccisione degli arabi pur senza motivazione alcuna. 

La polizia di Hebron, intanto, ha disposto il fermo del rabbino perché alle sue parole potrebbero ispirarsi altri e il rischio in città è elevato. 

Tuttavia, in seguito all'accaduto, da ambienti governativi israeliani si è registrata una certa ambiguità: qualcuno ha respinto le dichiarazioni del rabbino capo, mentre il ministro per la Sicurezza interna, Yitzhak Aharonovitch, ha affermato che la decisione della polizia è un errore, dando ad intendere quindi di condividere la visione del rabbino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.