L’Egitto, la Striscia di Gaza e le rivoluzioni mediterranee: una nuova Era?

InfoPal. In Tunisia come in Egitto, il popolo ha vinto contro il Tiranno. Sono state rivoluzioni non-violente, duramente aggredite dai rispettivi regimi.

Centinaia di morti e feriti sono stati il prezzo delle due rivolte popolari che hanno posto fine al potere di dittatori violenti, amati e sostenuti politicamente ed economicamente dall'Occidente. 

Una guerra da vincere. Le battaglie sono state vinte, ma speriamo che anche le guerre lo siano, perché certamente Israele e i suoi sponsor statunitensi ed europei non permetteranno facilmente che Paesi-chiave come l'Egitto – il cui governo è stato un fedele e prezioso partner nell'oppressione dei palestinesi – si emancipino del tutto dal loro giogo. La definitiva liberazione dell'Egitto dall'influenza israelo-statunitense potrebbe, come sappiamo, significare la permanente apertura del valico di Rafah, e dunque, in qualche modo, la fine del disumano assedio alla Striscia di Gaza, che da quattro anni affama 1,5 milioni di persone.

Israele non permetterà, senza mettere in campo tutti i propri illegali mezzi, che l'assedio sia spazzato via. C'è dunque da aspettarsi di tutto, in queste settimane.

Sostegno alle rivoluzioni monocolore? I palestinesi della Striscia hanno atteso con preoccupazione e speranza l'esito della rivoluzione egiziana. Il governo di Gaza aveva contenuto le manifestazioni di piazza pro-rivoluzione temendo che la vittoria del regime del Cairo sulla volontà del popolo d'Egitto avrebbe avuto effetti ancora più nefasti per i palestinesi. Osservando dall'esterno tali precauzioni, qualcuno, tra i non pochi islamofobici attivisti “pro-Palestina” italiani, ne aveva subito approfittato per sottolineare il parallelismo tra il regime quisling e corrotto (si leggano i tanti documenti del “Palestine Papers”), e ormai inviso ai più, dell'Anp di Ramallah, e il governo assediato di Gaza. Ma si sa, per certa sinistra (non tutta, per fortuna!), i governi popolari e le rivoluzioni devono avere un solo preciso colore, gli altri non sono ammessi o accreditabili… Infatti, parallelamente, altri analisti, sempre italiani, e sempre sostenitori delle rivolte rosso fuoco, hanno iniziato a diffondere articoli in cui la rivoluzione popolare egiziana veniva screditata e assimilata ad altre, pilotate da Cia e Mossad…

Forse è un'abitudine italiana, quella di dubitare di tutto, tranne di ciò di cui davvero si dovrebbe, o forse è il vizio insanabile del settarismo e dello spirito di “tribù” a farci diffidare di tutto ciò che non appartiene al nostro stesso identico schieramento, ma tant'è… La rivoluzione egiziana ha spazzato via in modo non-violento il clan Mubarak, aprendo il Paese alla prospettiva d'un futuro. E i palestinesi, in massa anche loro, si sono riversati nelle strade della Striscia e della Cisgiordania a manifestare entusiasmo e tanta speranza per se stessi e per i loro fratelli egiziani.

Egiziani liberi di sostenere i palestinesi. Ricordo ancora una visita a un centro caritatevole egiziano, al Cairo, alla fine dell'Operazione Piombo Fuso contro Gaza, nel gennaio 2009: era un'organizzazione gestita (in modo non ufficiale in quanto vietato dal governo), dai Fratelli Musulmani. Nell'edificio, aperto al pubblico, fervevano i preparativi per una spedizione di aiuti ai gazesi vittime della feroce aggressione israeliana. Mi colpì la dedizione dei tanti volontari, il loro coinvolgimento e la loro solidarietà ai fratelli e sorelle palestinesi. Un'attitudine che il regime Mubarak non favoriva certamente, ma tollerava, purché non avesse connotazioni pubbliche e troppo “politiche”, sgradite all'amico e padrone Israele.

Conservo ancora nella mente l'imbarazzo di uomini e donne di buona volontà egiziani, politici e cittadini comuni, a dover abbassare la testa e lavorare segretamente, o “non ufficialmente”, a sostegno dei propri vicini palestinesi. C'era in tanti, giovani e adulti, una rassegnazione disperata, una rabbia repressa e malcelata che rivelava i prodromi di un futuro e potenziale cambiamento. Quello che, ci auguriamo, è iniziato ieri, con la fine dell'era Mubarak e della sottomissione al diktat Israelo-americano.

La rivoluzione egiziana, con la sua forza, coraggio, non-violenza e determinazione rapresenta un momento storico di grande impatto per tutti i popoli arabi soggiogati da dittature pagate e sostenute dai nostri regimi occidentali. E' una speranza anche per tutto il Mediterraneo.

Angela Lano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.