L’Egitto riprende l’erogazione di gas naturale verso Giordania e Israele

'Amman – Ma'an, InfoPal. Dopo circa un mese e mezzo dall'esplosione del gasdotto di al-'Arish, le autorità egiziane hanno ripreso ieri la fornitura di gas naturale verso Giordania e Israele. Il prezzo non sarà modificato, stando a fonti egiziane.

“Perché la pressione del gas distribuito rientri nel regime ordinario, bisognerà comunque attendere alcuni giorni”, ha riportato il quotidiano israeliano “Yedioth Ahronoth”.

All'agenzia “France Press” e a quella locale “Petra”, il ministro per l'Energia e le Risorse giordano, Khaled Touqan, ha confermato che “la fornitura di gas naturale dall'Egitto verso la Giordania si era fermata il 27 aprile scorso e che da ora l'erogazione riprenderà con 70milioni di metri cubi al giorno. Dall'Egitto, il gas sarà distribuito alla centrale elettrica ad est della capitale 'Amman”.

L'Egitto rifornisce la Giordania per l'80% del suo fabbisogno di produzione energetica. Su base quotidiana ne vengono esportati fino a 6,8 milioni di metri cubi di gas. Sul fronte israeliano, l'Egitto provvede per il 43% alla fornitura di gas, mentre lo Stato ebraico è in grado di produrre un altro 40% di gas naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.