L’esercito israeliano ha invaso diverse città della Cisgiordania, arrestati 21 cittadini palestinesi.

 

Cisgiordania – Infopal. La notte scorsa e all’alba di oggi, le forze di occupazioni israeliane hanno invaso le province di Ramallah, Salfeet e Jenin, in Cisgiordania, e hanno arrestato 21 cittadini palestinesi.

Fonti della sicurezza nella città di Ramallah in Cisgiordania hanno riferito che le forze di occupazione hanno invaso una casa nel quartiere di Um al-Sharayet e hanno arrestato il cittadino Mohammad Qasem Masud, originario della Striscia di Gaza.

Hanno anche invaso Silwad, a nord-est di Ramallah, e hanno arrestato tre cittadini: Fathi Jaber Ayyad (21 anni), Abderrarhim Salah Hamad (20 anni) e Abdelqader Hammad (22 anni).

L'esercito israeliano ha consegnato a Imad Mohammad al-Shaer e Abdelkarim Jamal Atta, di Beit Laqiya, a ovest di Ramallah, due richieste di comparizione nella sede della sicurezza israeliana.

In provincia di Salfeet, alle quattro del mattino, le forze di occupazione hanno invaso la cittadina di Marda e hanno perquisito molte case. Hanno poi arrestato Nael Ahmad Najeh Khafash (20 anni), Ihab Abdullah Awad Ibdah (18 anni).

Nella provincia di Jenin, fonti della sicurezza hanno riferito che le forze di occupazione hanno imposto il coprifuoco sulla cittadina di Fahma, e hanno invaso diverse case. Hanno anche arrestato 10 persone: Jihad Nimr Yusef Nawsrah (21 anni), Mohammad Nimr Nawasrah (19 anni), Bassam Ali Yusef  Nawasrah (18 anni), Yusef Ali Yusef  Nawasrah (21 anni), Jihad Nabil Jamil Sa’ainah (21 anni), Hasan Mohammad Wadi Sa’ainah (23 anni), Ali Tawfiq Sa’ainah (3 anni), Ibrahim Anwar Abdelfattah Nawasrah (22 anni), Wadi Mohammad Wadi Sa’aiyna (24 anni), Abdullah Mohammad Ahmad Sa’ainah (18 anni), Yusef Mohammad Ahmad Sa’ainah (20 anni), Saed Mahmud Yusef  Nawasrah (23 anni), Ibrahim Mohammad Yusef Nawasrah (21 anni), Mahmud Mohammad Yusef Nawasrah (19 anni) e Mohammad Mash’hur Subhi Sa’ainah (19 anni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.