L’esercito israeliano sequestra 12 palestinesi.


Cisgiordania – Infopal. Fonti della sicurezza palestinese hanno riferito nella giornata di ieri che le forze di occupazione israeliane hanno arrestato almeno 12 palestinesi – tra cui due militanti di Hamas – in varie parti della Cisgiordania.

I due combattenti, Faiz Mohammad Namur e Taysir Ahmad Khalil Khalaf, sono stati arrestati nei pressi di Hebron, e le loro armi – un fucile Kalashnikov e una mitragliatrice Uzi – sono state sequestrate. I due sono accusati di aver lanciato attacchi con armi automatiche contro i veicoli israeliani nella stessa provincia di Hebron, per cui saranno interrogati insieme agli altri dieci palestinesi arrestati.

Tra questi, sette sono stati fermati nel corso di alcune irruzioni e perquisizioni svolte nelle case dei cittadini, in diverse parti della provincia.

Le fonti hanno infatti comunicato che i soldati dell’occupazione hanno caricato con la forza Khader Rashid Naji Jaber (43 anni) in una jeep militare: il rilascio è avvenuto dopo qualche ora. Sul suo corpo sono evidenti i lividi, a causa dei quali è stato ricoverato all’ospedale statale ‘Aliya.
Sono stati arrestati inoltre Ibrahim at-Talahmeh (40 anni), della cittadina di Dura, dopo un raid condotto nella sua abitazione, ieri mattina, più altri quattro ragazzi, ammanettati durante gli scontri scoppiati nella cittadina di Sa‘ir, a nord di Hebron: i loro nomi sono Medhat Sabry Jaradat, Yazid Mohammad al-Faruk e i fratelli Ayman e Fadi ‘Abd al-Qader Jaradat.

Fonti locali hanno inoltre rivelato che le forze di occupazione israeliane hanno condotto un vero e proprio assalto alla città di Hebron lunedì notte, invadendo diverse case civili. Durante queste operazioni sono stati arrestati Shadi Nammura e Taysir Khalaf.

Assaltati anche la cittadina di ad-Doha e il campo profughi di ‘Ida, in provincia di Betlemme, sempre in Cisgiordania.

Ancora fonti della sicurezza riferiscono che a ad-Doha le truppe hanno fatto irruzione nella casa di Mohammad Mustafa Maali, danneggiandola all’interno e ritirandosi senza aver effettuato alcun arresto. La stessa sorte sarebbe toccata a diverse case del campo di ‘Ida.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.