L’Esercito israeliano usa i prigionieri palestinesi come scudi umani [VIDEO]

Gaza – The Cradle. Un nuovo filmato ottenuto da Al-Jazeera il 30 giugno documenta l’uso da parte dell’esercito israeliano di civili palestinesi come scudi umani nella Striscia di Gaza.

Il filmato ottenuto dall’emittente è composto da diversi video. Si vedono prigionieri vestiti con uniformi dell’esercito israeliano, dotati di body-cam e costretti a entrare in edifici o tunnel per assicurarsi che non siano imbottiti di esplosivo.

Nel primo video, due palestinesi sono costretti a entrare nei rottami di una casa per cercare l’ingresso di un tunnel. I prigionieri vengono mostrati mentre riferiscono ai soldati che hanno trovato solo terra e cemento.

Un altro video mostra un prigioniero costretto a entrare in un tunnel attaccato ad un filo tenuto dai soldati israeliani in superficie.

“Ragazzi, l’esercito mi sta usando come esca”, grida il prigioniero, sperando che i combattenti della resistenza lo sentano e non aprano il fuoco.

Un terzo video mostra un prigioniero ferito e senza vestiti, costretto a entrare in un edificio con un drone che lo accompagna per assicurarsi che l’edificio non sia stato truccato o che non ci siano combattenti al suo interno.

Da tempo i soldati israeliani usano i prigionieri palestinesi come scudi umani nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza.

Alla fine del mese scorso, un video che circolava sui social media mostrava un detenuto palestinese legato alla parte anteriore di una jeep militare israeliana durante un’incursione nella Cisgiordania occupata.

Dall’inizio dell’invasione israeliana terrestre a Gaza, Israele ha rapito migliaia di civili palestinesi, tra cui donne, bambini e operatori sanitari.

Mentre alcuni sono stati rilasciati, molti rimangono ancora in cattività. Quelli rilasciati di solito portano i segni delle torture e delle condizioni estreme all’interno dei centri di detenzione israeliani e offrono testimonianze agghiaccianti.

Haaretz ha riferito il 18 giugno che un medico di spicco di Gaza è stato torturato a morte a novembre mentre era sotto interrogatorio da parte dello Shin Bet, il servizio di sicurezza interno di Israele.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.