Lettera aperta. Un giornalista iraniano è la prima vittima del coinvolgimento dell’Italia nella guerra contro l’Iran

Riceviamo e pubblichiamo.

Lettera aperta.

Un giornalista iraniano è la prima vittima del coinvolgimento dell'Italia nella guerra contro l'Iran

La vicenda che ha portato in galera nove italiani e due iraniani per traffico internazionale di armi, appare una forzatura funzionale alla guerra diplomatica tra Italia e Iran . Quanto c’entrino le tensioni  tra il governo italiano e l'Iran in questa vicenda è – al momento – testimoniato dal fatto che il “traffico d’armi” è rappresentato da ben poca roba rispetto a quello a cui ci hanno abituati i veri trafficanti di armamenti che in Italia sono riusciti a far abrogare la Legge 185.

Sono molti gli interrogativi rispetto al materiale ritrovato e alla consistenza dei fatti contestati agli  arrestati . Da come Magistrati e Guardia di Finanza hanno tratteggiato i contorni dell’operazione, c'era da aspettarsi il ritrovamento di una vera e propria santabarbara e pagine e pagine di intercettazioni telefoniche con frasi scottanti e dal senso inequivocabile. 

Al momento non è stato reso noto niente di tutto questo.  A finire in cella con l’accusa di essere il capo di questa temibile cellula dei servizi segreti irarniani è Amid un giornalista iraniano che vive e lavora da 17 anni in Italia.  Amid è stato prelevato dalla Guardia di Finanza in via dell’Umiltà vicino alla sede della stampa estera dov’è accreditato e apprezzato da molti. Chi lo ha conosciuto – e sono parecchi visto il suo iperattivismo – fatica pareccchio a vederlo nei panni del super agente o del capo cellula, sicuramente è una instancabile mente giornalistica. Basta visitare il sito in italiano della televisione iraniana IRIB e si rimane colpiti dalla mole di lavoro che pochissime risorse e pochi redattori sono in grado di fare. E’ stata forse la capacità di stare nella notizia di questa TV e del suo corrispondente in Italia, bravi nel  portare le cronache politiche e sociali italiane nelle case iraniane e non solo, la vera colpa di Amid? E’ il caso di rammentare che stata la IRIB TV poco tempo fa a mandare su tutte le furie il Ministro Frattini  dicendo che la politica italiana è sottomessa ai diktat israeliani? Una affermazione su cui diventa assai difficile dimostrare il contrario dopo le genuflessioni del Presidente del Consiglio Berlusconi a Tel Aviv. La tensione tra Italia e Iran sta salendo pericolosamente e l'arresto di Amid serve a metter benzina sul fuoco.

Questa operazione è purtroppo un segnale che la guerra contro l’Iran è già iniziata e che l'Italia ne è già pesantemente coinvolta. Vogliamo solo auspicare che Amid esca presto da questa brutta vicenda e non ne sia la prima vittima. Allo stesso tempo vogliamo augurarci che i giornalisti italiani non si facciano intimidire da una operazione politico-giudiziaria che per ora ha mostrato molti aspetti del grottesco. Chiediamo la fine di questo clima di guerra e ostilità che l'establishment italiano in maniera pressochè uniforme manifesta nei confronti dell'Iran.

primi firmatari:

Marco Benevento; Sergio Cararo; Marco Santopadre; Stefania Limiti; Enrico Campofreda; Enzo Apicella; Maurizio Musolino; Mila Pernice; Pino Nicotri; Angela Lano ……..

adesioni a questa lettera si raccolgono anche a forumpalestina@libero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.