Lieberman: ‘Conflitto d’interessi’ con Washington sulle colonie.

Gerusalemme – Infopal. Il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman ha ammesso lunedì, di fronte ai deputati del suo partito, l’estremista Yisrael Beitenu [“Israele casa nostra”, ndr]: “Esiste un ‘conflitto d’interessi’ che m’impedisce di partecipare agli incontri a Washington, e che riguarda le colonie israeliane nei territori occupati in Cisgiordania, che gli Stati Uniti chiedono di congelare”.

Lieberman vive infatti a Nokdim, una delle colonie abusive della regione.

Il ministro ha però aggiunto di non voler essere accusato di sabotare il dialogo con gli Stati Uniti su questo problema, sostenendo di poter fornire ad esso due risposte possibili: “La risposta diplomatica assegnerebbe la responsabilità al ministero della Difesa, che gestisce i checkpoint, le licenze di costruzione e le questioni umanitarie in Cisgiordania. (…) La risposta non-diplomatica riconosce che, dal mio punto di vista, persiste un evidente conflitto d’interessi, legato a una persona che vive in un piccolo insediamento non collegato alle grandi colonie [e quindi costruito in zona abusiva, ndr]”.

Da parte sua, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affrontato le pressioni degli Stati Uniti al riguardo, assicurando che il suo governo non vuole costruire nuovi insediamenti in Cisgiordania, sebbene intenda proseguire lo sviluppo e l’ampliamento di quelli esistenti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.