Livni: Netanyahu sta aiutando il collasso di Israele.

Tel Aviv. Il leader dell’opposizione israeliana Tzipi Livni ha criticato duramente il primo ministro Netanyahu affermando che le sue politiche stanno conducendo Israele ad una débacle diplomatica.

Durante l’incontro di martedì alla Commissione Esteri e Difesa del Parlamento, Netanyahu ha avuto uno scambio di battute vivace con l’ex ministro degli Esteri, criticando il suo punto di vista sulle “armi introdotte in Cisgiordania”.

“Comprendo che per te basta avere un pezzo di carta in cui si giura che non entreranno missili nel territorio governato dall’Anp, ma io sono stato eletto per far sì che dei fatti si realizzino”.

Ma il leader di Kadima, accusata di crimini di guerra contro i palestinesi a Gaza, ha replicato affermando: “Se parliamo di affari pubblici, la pubblica decenza richiederebbe che dopo le elezioni tu ti comportassi come hai promesso di fare”.

La Livni ha anche detto che Netanyahu è “cieco” se “non vede che la posizione di Israele nel mondo si sta deteriorando” a causa delle politiche che egli sta seguendo.

In un incontro per festeggiare il primo anno dall’elezione (febbraio 2009), la Livni aveva già attaccato Netanyahu come un “politico da nulla”, accusandolo di guidare il governo in maniera maldestra.

Le relazioni tra il Likud ed il partito rivale Kadima si sono logorate da dicembre, dopo che la Livni ha rifiutato la proposta di Netanyahu di far partecipare al governo elementi del suo partito.

La Livni aveva definito tale offerta come “disonesta”, accusando il primo ministro di far uso di una “politica meschina”, al fine di creare una divisione all’interno di Kadima.

Kadima ha 28 parlamentari, sul totale dei 120 del Parlamento israeliano. Aveva preso la maggioranza nel 2009, ma non è andata al potere in quanto la Livni non è riuscita a formare una coalizione di governo.

(Fonte: Press.tv)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.