Livni: non permetteremo il ritorno di un solo profugo palestinese.

Tzipi Livni, ministra degli esteri israeliana, ha dichiarato che "Israele non permetterà mai il ritorno di un solo profugo nei suoi territori, in nessun accordo con i palestinesi".

E’ quanto ha dichiarato alla radio israeliana e ha aggiunto che il rientro dei profughi rappresenterebbe "l’inizio della fine della legittimità di Israele come Stato ebraico", confermando che "non si deve andare avanti nelle trattative se non dopo che i palestinesi hanno rispettato le promesse".

Parallelamente, il vice del premier Haim Ramon ha affermato che "Israele non troverà interlocutore migliore per il dialogo israelo-palestinese del presidente Mahmoud Abbas e del suo primo ministro Salaam Fayyad".

E per quanto riguarda la proposta di trasferire i quartieri palestinesi da Gerusalemme alle zone dell’Autorità Palestinese, Ramon l’ha definita "un atto immobiliare fallito, che assomiglia all’annessione di Gaza a Israele".

Ramon ha confermato che non effettuerà cambiamenti alla situazione attuale di Gerusalemme est, se non dopo che l’Autorità palestinese sia in grado di imporre la legge e l’ordine.

GerusalemmeInfopal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.