Lo scadente livello delle istituzioni educative nella parte orientale di Gerusalemme denunciato da un israeliano

An-Nasira (Nazareth) – Infopal. Un consulente giuridico della Municipalità di al-Quds (Gerusalemme) ha affermato che le istituzioni educative della parte orientale della città, frequentate in massima parte da palestinesi, soffrono di una discriminazione palese in confronto a quelle della parte occidentale, frequentate soprattutto da ebrei.

In una lettera inviata ad un consigliere comunale, egli ha ricordato che i fondi destinati ad asili e scuole superiori per la parte orientale ammontano a solo un terzo di quelli destinati ad analoghe istituzioni della parte occidentale della città.

Per quanto riguarda invece le scuole elementari, le somme destinate a quelle della parte occidentale sono il doppio delle pari grado frequentate da palestinesi.

Un rapporto pubblicato dall'associazione “Diritti del cittadino in Israele” spiega che circa 35.000 studenti palestinesi di al-Quds soffrono di gravi carenze nel programma educativo scolastico.

Nello stesso rapporto, si evidenzia come il livello scadente delle istituzioni educative nella parte orientale della città, frequentate da palestinesi, si evidenzia a partire dalle strutture stesse, con stanze inadatte e non a norma, e per giunta in numero insufficiente per accogliere tutti gli studenti.

Ovvia conseguenza, l'elevata percentuale di abbandoni scolastici, con negative ripercussioni anche a livello sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.