L’Onu: l’ampliamento della colonia di Gilo mette a rischio il processo di pace.

Gerusalemme. Le Nazioni Unite hanno condannato il piano israeliano di ampliamento della colonia di Gilo, a Gerusalemme Est, sottolineando che si tratta di un altro ostacolo alla pace.

Israele ha infatti recentemente annunciato di voler costruire 900 nuove unità abitative nella colonia, che, come tutte le altre, è illegale in quanto costruita su terre sottratte alla popolazione palestinese. L'insediamento abusivo di Gilo si trova tra Beit Jala e Gerusalemme.

Parallelamente all'ampliamento e alla costruzione di colonie in Cisgiordania e Gerusalemme Est, Israele prosegue nella politica di demolizione delle abitazioni palestinesi e nelle aggressioni quotidiane. Soltanto a Gerusalemme Est, nell'ultimo mese sono stati feriti 24 cittadini palestinesi.

Nel denunciare le continue violazioni israeliane, Haile Menkerios, Sottosegretario generale delle Nazioni Unite, ha anche evidenziato come l'assedio alla Striscia di Gaza metta a rischio la vita di 1,5 milioni di persone, impedendo loro di procurarsi alimenti, medicine, materiali per ricostruire le case distrutte durante l'operazione israeliana “Piombo Fuso”, lo scorso inverno, e ostacolando l'accesso degli aiuti umanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.