L’ufficio di Adwaik: Israele somministra al presidente del consiglio legislativo cure che gli fanno perdere l’equilibrio e la concentrazione. Le sue condizioni di salute stanno peggiorando.

 

Dal nostro corrispondente.

 

L’ufficio del presidente del Consiglio legislativo, Aziz Ad-Dwaik, ha accusato Israele di ignorare le cure e di somministrargliene di nuove che gli hanno fatto perdere la concentrazione. Da tre giorni, infatti, il deputato non si rende conto di quello che gli succede intorno e le sue condizioni di salute peggiorano.

In un comunicato stampa, il direttore dell’ufficio ha dichiarato: “Il deputato Ahmad Mubarak ha incontrato Adwaik al tribunale di Ofer, martedì 15 agosto". In questa occasione si è saputo che al presidente del Consiglio hanno somministrato medicine che gli hanno fatto perdere l’equilibrio e la concentrazione.

Era previsto che Adwaik si dovesse presentare di fronte all’Alto Tribunale, ma la seduta è stata annullata, e non hanno permesso la visita del suo avvocato.

Srur ha agggiunto che “sembra che il dott. Adwaik stia seguendo una forte cura per la pressione, che andrebbe monitorata, ma nelle prigioni israeliane non vengono eseguiti controlli. Il secondo uomo del sistema politico palestinese si trova dunque in una situazione di salute precaria, con pericolosi sbalzi di pressione.

Srur accusa l’occupazione di essere completamente responsabile per quanto riguarda la vita del dott. Adwaik – per non averlo curato, per non averlo trasferito in ospedale per effettuare le analisi necessarie e somministrare le cure necessarie. Adwaik soffre anche di calcolosi renale e ha bisogno di un esame endoscopico al cuore.

 

Srur si è rivolto alle organizzazioni dei diritti umani, alle associazioni umanitarie e ai parlamentari arabi ed europei che hanno firmato l’accordo di Ginevra, di intervenire per salvare la vita al dott. Adwaik.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.