Madri di detenuti palestinesi obbligate a denudarsi

Betlemme – Maan. In violazione ai diritti sulla dignità della donna, il Centro dei prigionieri palestinesi ha denunciato un altro grave comportamento da parte di Israele.

Ra’fat Hamdouna, direttore del Centro, ha reso noto che il 17 giugno le madri di alcuni detenuti palestinesi in viaggio verso le prigioni nel nord di Israele, in visita ai figli, sono state sottoposte ad abusi e umiliazioni da parte dell’esercito israeliano.

Attraversando vari checkpoint nelle aree di Tulkarem e Jenin, le donne sono state fermate e obbligate a denudarsi in celle per delle ispezioni.

“Se queste pratiche dovessero proseguire, certamente i detenuti palestinesi riprenderanno lo sciopero della fame in segno di protesta”, afferma Hamdouna, il quale chiede l’intervento della Croce Rossa Internazionale (ICRC).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.