Manifestazione di studenti repressa dall’esercito israeliano.

Cisgiordania. Diversi palestinesi sono stati feriti e con loro un soldato israeliano dopo che alcuni testimoni hanno riferito di aver sentito rumori di spari provenire dal posto di blocco di Atara, che ieri è rimasto blindato.

Le ultime voci confermano che decine di studenti dell'università di Birzeit hanno partecipato a un corteo contro le aggressioni israeliane alla moschea di al-Aqsa, lanciando pietre ai soldati.

Come ha affermato un portavoce militare israeliano, le forze israeliane stavano rispondendo con “meccanismi di dispersione della folla” contro i palestinesi nell'area. Secondo la fonte, i dimostranti sarebbero stati 70; tuttavia, testimoni a pochi metri dagli avvenimenti non hanno riportato proteste, né dimostrazioni o sommosse.

Dieci studenti sono rimasti feriti, tre con proiettili da guerra, come riportano fonti mediche dell'ospedale pubblico di Ramallah. Un giovane è stato colpito alla mandibola e le sue condizioni sarebbero stazionarie, mentre per altri si parla di ferite da leggere a moderate.

I tre hanno ricevuto la visita del governatore di Ramallah Laila Ghanam, che ha promesso di coprire i costi delle cure.

Secondo un portavoce israeliano, tuttavia, non si sarebbe avuto l'impiego di proiettili veri, nonostante i proiettili di gomma siano considerati parte integrante dell'arsenale di “dispersione” israeliano.

La stessa fonte ha poi aggiunto che un soldato è stato ricoverato in un ospedale israeliano, mentre quattro palestinesi sono stati soccorsi dalla Mezzaluna Rossa palestinese.


Il posto di blocco di Atara è stato chiuso durante le proteste, causando lunghe attese ai viaggiatori in transito dal centro al nord della Cisgiordania.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.