Manifestazione non violenta: a decine asfissiati dai gas lacrimogeni

Cisgiordania – InfoPal. Decine di manifestanti sono rimasti soffocati dai gas lacrimogeni utilizzati dall'esercito israeliano per reprimere le proteste settimanali in Cisgiordania.

A Bil'in, slogan e striscioni hanno anche ricordato la passeggiata provocatoria di Sharon nell'Haram ash-Sharif, nel settembre del 2000, da cui scaturì la seconda Intifada.

Non solo Muro d'Apartheid e colonie, ma anche prigionieri, politica di deportazione, assedio su Gaza, aggressioni ad al-Quds (Gerusalemme) e Silwan sono state le ingiustizie rievocate dai manifestanti.

Il comitato popolare del villaggio contro Muro d'Apartheid e colonie ha dichiarato: “Nessuna pace con occupazione, colonie e Muro. Restiamo fedeli al sangue versato dai martiri e continueremo a difendere la nostra lotta di resistenza popolare per abbattere il muro e l'occupazione fino all'indipendenza della Palestina con Gerusalemme capitale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.