Manifestazione non-violenta di Bil’in: tra i feriti due pacifiste francesi.

Ieri, durante la pacifica manifestazione settimanale a Bil’in, l’esercito di occupazione israeliano ha aggredito i manifestanti ferendo due pacifiste francesi e un anziano palestinese di 65 anni, mentre altre venti persone sono state soccorse per soffocamento dovuto ai gas lacrimogeni.

Come ogni venerdì, il corteo era formato da un gruppo di abitanti di Bil’in e altri pacifisti internazionali e israeliani che hanno manifestato contro il muro dell’apartheid e le colonie ebraiche. Oltre a ciò, la dimostrazione di ieri coincideva con il quarto anniversario della condanna del tribunale internazionale di L’Aja, che ha definito illegale la costruzione del muro nei Territori Occupati.

I manifestanti hanno girato le vie del villaggio reggendo gli striscioni che condannano la politica dell’occupazione e le sue aggressioni e gridando slogan a favore dell’unità nazionale e dei valori dei Palestinesi. Non appena si sono avvicinati al muro, l’esercito di occupazione israeliano li ha aggrediti con una pioggia di proiettili di gomma e di gas lacrimogeni, impedendo loro di accedere alle loro terre oltre lo sbarramento. 

In un altro contesto, le forze di occupazione hanno liberato Ali Hamdan (17 anni) dopo quattro giorni di arresti. Le forze di occupazione hanno inoltre invaso e perquisito le case di due cittadini palestinesi, Mohammed Ali Yasin e Hamdan Ali Abu Rahmah, seminando il terrore tra le donne e i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.