Manifestazione pacifica di Nil’in, un altro cittadino ucciso dall’esercito israeliano.

 

Ramallah – Infopal. Ieri, nella cittadina di Nil'in, a ovest di Ramallah, un cittadino palestinese è stato ucciso dal fuoco dell’occupazione israeliana.

Fonti locali e mediche nell’ospedale statale di Ramallah hanno riferito che Yousef Sadiq Srour, 35 anni, è morto dopo che i soldati israeliani gli hanno sparato al petto durante la manifestazione settimanale nonviolenta contro il Muro di Annessione e la confisca di terre destinate alle colonie ebraiche.

Le forze di occupazione hanno assaltato Nil'in con i carrarmati e hanno fatto irruzione in diverse case, appostandosi sui tetti.

I cittadini locali, sostenuti da pacifisti stranieri e israeliani hanno tentato di impedire la presenza dei soldati israeliani nelle abitazioni, ma questi hanno aperto il fuoco, uccidendo Surur.

La notizia anche su http://zeitun.ning.com/profiles/blog/show?id=2875552%3ABlogPost%3A3101&xgs=1

Yousef Sadiq Srour è il nome del quinto palestinese ammazzato a Nil'in dalle forze israeliane di repressione durante la settimanale manifestazione nonviolenta contro il Muro. Oggi pomeriggio, 5 giugno, i soldati non hanno nemmeno fatto finire la preghiera prima dell'inizio della manifestazione attaccando con gas lacrimogeni e sparando con pallottole vere come asseriscono i militanti di Stop the Wall. Una pallottola ha colpito mortalmente in pieno petto Yousef mentre cercava di portare soccorso ad un altro ferito; altri quattro sono stati colpiti, tre alle gambe e uno al rene. Yousef aveva 35 anni e lascia la moglie e tre figli. Il nuovo governo israeliano non tollera manifestazioni nonviolente e reagisce nel modo più duro. Leggi in inglese la notizia con foto riportata da Stop the Wall

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.