Marcia per lo Stato palestinese a Gerusalemme

Al-Quds (Gerusalemme) – PressTV, Imemc. Per il quotidiano israeliano “Haaretz” erano 2000, tra israeliani e palestinesi, i presenti ala manifestazione di ieri nella Gerusalemme occupata, in marcia per chiedere il riconoscimento dllo Stato palestinese. Un gruppo di fondamentalisti della destra israeliana ha tentato di creare disordini.

Gli organizzatori si sono impegnati ad astenersi dalla violenza nel la marcia coordinata con la polizia.

“Uno Stato palestinese indipendente”: è il messaggio lanciato ieri dagli slogan dei manifestanti, che richiamavano la lotta per i diritti civili del Sudafrica dell'Apartheid di Nelson Mandela: “sono gli uomini liberi possono negoziare”.

Erano presenti alla manifestazione anche alcuni deputati della Knesset (parlamento israeliano) come Dov Hanin di Hadash e Zehava Galon del Meretz.

L'attivista israeliano Matan Kohen ha dichiarato al corrispondente di PressTv: “Sono venuto qui per chiedere la liberazione della Palestina, per esprimere solidarietà con il popolo palestinese impegnato in una lotta contro l'occupazione e contro un regime brutale. Il mio messaggio oggi è rivolto alla comunità internazionale, a Israele e ai palestinesi: 'Non resteremo in silenzio mentre l'occupazione continua'”.

“Con la mia presenza, voglio dimostrare l'identità palestinese di Gerusalemme”, ha affermato un attivista palestinese.

La marcia è partita dalla Porta di Giaffa, a Gerusalemme Est, per raggiungere il punto della Linea Verde che, prima dell'occupazione israeliana della città nel 1967, la divideva dalla parte occidentale. Poi, il corteo si è concluso nel quartiere gerosolimitano di Shaykh Jarrah, le cui abitazioni palestinesi sono sottoposte a frequenti attacchi da parte dei coloni israeliani.

Gli organizzatori hanno affermato che “il riconoscimento dello Stato palestinese corrisponde a un diritto internazionale dei palestinesi, poiché è garantito dalla legge internazionale. Raggiungere l'indipendenza è l'unico modo per porre fine alla violenza e al conflitto tra israeliani e palestinesi”.

Gruppi dell'estrema destra israeliana hanno provato a intrufolarsi nella marcia con una contro-protesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.