Marina israeliana rapisce due pescatori palestinesi nel mare di Gaza

Gaza – InfoPal. Due pescatori palestinesi sono stati rapiti questa mattina dalla Marina israeliana. I due pescatori si trovavano in mare all'altezza della Striscia di Gaza centrale.

Nizzar 'Ayash, portavoce della categoria dei pescatori, ha raccontato: “Un incrociatore israeliano ha aperto il fuoco contro una barca in mare a bordo della quale c'erano due pescatori”.

La barca e i due passeggeri palestinesi sono stati scortati con la forza dalla Marina israeliana verso il porto di Ashdod, a nord della Striscia di Gaza, in Israele (Territori palestinesi occupati nel '48, ndr).

“E' un episodio tra i tanti e interminabili attacchi israeliani contro i pescatori palestinesi. Ad essi Israele vieta di pescare in mare aperto”.

Israele infatti, non permette ai palestinesi di pescare oltre 3 km dalla costa (1,8 miglia nautiche), nonostante gli accordi di Oslo disponessero per la pesca una distanza in mare fino a 7 miglia nautiche (11,2 km).

Negli ultimi anni, decine di pescatori palestinesi sono stati uccisi e feriti da Israele mentre lavoravano nel mare della Striscia di Gaza assediata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.