Marwan Barghouthi lancia appello per sostegno alle richieste palestinesi all’Onu

Ramallah – Maan. Il leader imprigionato Marwan Barghouthi ha lanciato un 

appello per una protesta pacifica su larga scala a sostegno delle richieste 

palestinesi presso i membri delle Nazioni Unite.

In un comunicato rilasciato dalla sua cella nella prigione israeliana di 

Hadarim, Barghouthi, considerato a tutti gli effetti come l' architetto della 

seconda Intifada palestinese, ha  dichiarato che  vincere la “battaglia del 

prossimo settembre” richiederà una mobilitazione massiccia in tutti i territori 

nonché all'estero.

Barghouthi sostiene che “vincere la battaglia del prossimo settembre”, 

considerata come un importante passo per la nostra tragedia, richiederà la più 

grande e pacifica protesta popolare qui, nei paesi della diaspora, in tutti i 

paesi Arabi musulmani così come nelle capitali internazionali.

La mobilitazione in questa battaglia comporterà la mobilitazione di tutte le energie del 

nostro popolo e il coinvolgimento di tutti”.

Con lo stallo dei colloqui di pace, la leadership pelaestinese a Ramallah sta 

proggettando di richiedere alla guida dell Onu un riconoscimento che si fondi 

sui confini della prima della guerra dei sei giorni del 1967.

Le richieste sono duramente contrastate da parte di Israele il quale sta già 

programmando la possibilità di una dimostrazione su larga scala nella West Bank, 

a Gaza e lungo tutto il suo perimetro.

L'ambasciatore della Palestina presso le Nazioni Unite si 

è detto fiducioso del successo, a settembre:

“Non falliremo la seduta presso l'Assemblee generale, ma la riuscita del 

successo dipenderà da molti fattori coinvolti”, riferisce l'ambasciatore Riyad 

Mansur citando ciò che descrive come un “bilanciamento di potere” delle 

diplomazie.

“Gli israeliani hanno riconosciuto la loro sconfitta nel sostenere che 

confidano in un successo se saranno in grado di convincere 30 paesi a non 

votare la risoluzione”, in riferimento ai desideri israeliani di 

assicurarsi la “maggioranza morale” dei paesi democratici che  voteranno contro 

la proposta.

“Ma – sostiene – saranno comunque sconfitti per il fatto che non otterrano il 

voto di 30 paesi contro di noi. Il piano ha ricevuto anche un tiepido assenso dai leader di Hamas a Gaza, ma 

Barghouthi ha richiamato tutte le fazioni palestinesi ad andare oltre la mozione.

“Non è solo la battaglia del Presidente Mohamoud Abbas, della Organizzazione per 

la liberazione della Palestina, dell'Autorità palestinese, delle diverse fazioni 

o dell'ambasciata.

” E' la battaglia di ogni cittadino, di ogni palestinese, arabo e  di ogni 

persona libera presente a questo mondo”.

Le fazioni palestinesi “dovrebbero  sorridere sulle differenze, per il beneficio 

della lotta”, ha aggiunto.

Il corpulento cinquantaduenne è un membro di lunga data del partito Fatah di 

Abbas, ma ha lavorato per riunire le divisioni con il movimento islamista di Hamas.

I due movimenti, che si sono contesi il comando per anni, hanno recentemente 

sancito a sorpresa un patto di riconciliazione che deve ancora essere attuato 

nai fatti.

Attivista di lunga data, che ha sostenuto il processo di pace di Oslo nel 1990, 

Barghouthi è largamente considerato l'organizzatore della seconda Intifada, o 

rivolta, che esplose nel 2000.

Fu arrestato nel 2002 e due anni più tardi, dichiarato colpevole di cinque morti 

per omicidio per il suo ruolo durante i numerosi attacchi  mortali contro 

Israele, nonostante non abbia mai sostenuto l'attacco a civili dento Israele.

E' comunque rimasto molto  popolare presso il pubblico palestinese ed è 

considerato come un possibile successsore di Abbas.

Nel 2008, ha spedito una lettere alla Ong israeliana “Peace Now” richiamando ad 

una “storica riconciliazione” con l'intento del riconoscimento di una soluzione 

per i due stati.

 

 

Traduzione a cura di Giovanni Ridolfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.