Marzo 2011: 16 palestinesi uccisi, 5 sono bambini. 380 gli arrestati

Nablus – InfoPal. “Tadamun”, organizzazione per i diritti umani, ha raccolto le violazioni israeliane contro il popolo palestinese nel mese di marzo 2011, divulgandone i dati.

Tutti i cittadini palestinesi uccisi nel mese scorso erano della Striscia di Gaza: su un totale di 16, 14 sono rimasti vittima dei bombardamenti dell'aviazione e delle incursioni dell'artiglieria di Israele. Cinque delle vittime erano bambini e adolescenti.

A marzo 2011: 380 palestinesi sono stati arrestati. Nel dato rientrano 50 bambini e decine di lavoratori palestinesi fermati e catturati in varie località in Israele (Territori palestinesi occupati nel '48) e in Cisgiordania.

Il villaggio di Awarta ha registrato il dato più alto degli arresti, seguono al-Khalil (Hebron), Betlemme, Silwan, Tutlkarem, Salfit, Ramallah e al-Bireh.

Tra i cittadini palestinesi arrestati anche i deputati del blocco islamico 'Azzam Salhab e Mohammed Maher Badr, entrambi di Hebron.

Tra i dati complessivi, “Tadamun” ha ricordato l'arresto di un 19enne palestinese, la cui identità resta ignota, avvenuto presso il blocco coloniale israeliano di Gush Etzion.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.