Membri del Likud formano il ‘Partito del tè’ israeliano

A Likud member, Danny Danon (photo from www.google.com)

Danny Danon, membro del Likud (foto da www.google.com)

Imemc. Un gruppo di membri del partito israeliano Likud organizzerà domenica un raduno alla Casa dell'organizzazione sionista d'America, con lo slogan: “Dite no a Obama”. Il loro obiettivo è spingere per l'interruzione del processo di pace e la fine delle proteste per lo stop alle colonie.

Ieri, gli attivisti del Likud coinvolti nell'iniziativa avevano annunciato la creazione del “Partito del tè” israeliano, che ha dato il via ai loro tentativi di far cessare definitivamente il processo di pace. Secondo i fondatori, l'impegno israeliano nelle trattative è motivato solo dalla forza dell'abitudine, e non da un reale interesse da parte di Tel Aviv.

Il primo passo del gruppo sarà il raduno di domenica, che si opporrà alla politica del primo ministro Benjamin Netanyahu e alle pressioni americane su Israele perché rinnovi lo stop alle colonie.

Tra i membri della Knesset che hanno accettato di partecipare all'iniziativa di domenica vi sono Danny Danon, Ayub Kara e Yariv Levin, insieme all'ex parlamentare Michael Kleiner, secondo cui l'evento servirà a far capire a Netanyahu che ciò di cui Israele ha bisogno non corrisponde a ciò che le stanno chiedendo gli Stati Uniti.

Sulla pagina di Facebook del “Partito del tè”, i membri hanno inoltre precisato che la decisione di formare il nuovo gruppo è stata causata da un profondo senso di frustrazione nei confronti di un vuoto percepito tra le forze della destra israeliana: “Riteniamo che sulla carta politica non esista nessun cuscinetto che impedisca ai leader di prendere decisioni sul processo di pace che risultino disastrose e pericolose per Israele”.

Il gruppo prende spunto dall'omonimo partito conservatore americano di estrema destra, che fu formato nel 2009 per protestare contro il pacchetto d'incentivi fiscali firmato da Obama e che ha guadagnato visibilità proprio grazie alll'uso dei social network.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.