Migliaia di prigionieri palestinesi in sciopero della fame, ma il Parlamento europeo dedica una mostra a Shalit

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Nel momento in cui i prigionieri palestinesi in sciopero della fame sin dal 26 settembre scorso sono entrati nella fase più delicata dell'iniziativa che coinvolge tutte le carceri dell'occupazione israeliana, la sede del Parlamento europeo ospita una mostra sull'unico soldato israeliano nelle mani dei palestinesi: Jilad Shalit.

E' stata inaugurata ieri a Bruxelles una mostra fotografica su Shalit, caporale israeliano catturato a Gaza dalla resistenza palestinese nel 2006 mentre era impegnato a sparare contro abitazioni civili palestinesi dall'alto di un carro armato.

La raccolta fotografica lo ritrae sin dall'età di 11 anni e il titolo della mostra è: “Quando lo squalo incontra per la prima volta i pesci”.

Nel discorso di apertura della mostra, il presidente del Parlamento europeo, Jerzy Buzek, ha detto: “Shalit è un cittadino dell'Unione Europea e sono personalmente interessato alla sua sorte”, invitando Hamas al suo rilascio immediato.

Erano presenti all'inaugurazione della mostra anche quattro membri della Knesset (parlamento israeliano), come il portavoce Reuven Rivlin il quale, nel ringraziare l'Ue, ha affermato: “La questione che investe la persona di Shalit è legata ai principi dell'essere umano e delle sue libertà”.

Per il partito di Kadima invece è intervenuto il deputato Nahman Shai proponendo l'avvio di incontri tra il presidente della Knesset, quelli dei vari Paesi europei e la direzione della Nato per trovare una soluzione al caso di Shalit.

Da due giorni, intanto, due prigionieri palestinesi sono stati trasferiti in ospedale per il peggioramento delle condizioni di salute. Anch'essi sono in sciopero della fame da oltre due settimane.
Crescono anche le preoccupazioni per lo stato di salute di Ahmed Sa'adaat, Segretario generale del Fronte di liberazione della Palestina (Fplp), detenuto in isolamento da più di tre anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.