Minacce del Mossad ad ‘Abbas per il suo impegno nella riconciliazione nazionale con Hamas

PalToday, Agenzie. Il presidente dell'Autorità palestinese (Anp), Mahmoud 'Abbas, avrebbe ricevuto minacce da ambienti del Mossad, l'Intelligence israeliana, a causa del suo impegno politico nella riconciliazione con il Movimento di resistenza islamica, Hamas. 

Fonti vicine alla Lega Araba hanno riferito che “le minacce mosse dal Mossad hanno coinciso con l'avvertimento di fargli fare la stessa fine di Yasser 'Arafaat, se intende sfidare ancora Israele e se continua a ignorarne i diktat su politica palestinese e insediamenti”.

Non solo dichiarazioni di uomini di governo, come aveva fatto il ministro degli Esteri, Avigdor Lieberman, ma anche fonti della sicurezza israeliana si esprimono in termini minacciosi nei confronti di 'Abbas.
“'Abbas sta superando la linea rossa” avevano detto il giorno dopo l'adesione della Palestina all'Unesco, per ribadirlo oggi, a pochi giorni dalla seconda fase dell'accordo di unità con Hamas.

Alla radio israeliana, individui riconducibili ad ambienti militari avevano detto: “'Abbas volta le spalle al processo di pace, mentre guarda all'unità con Hamas”.

Gli stessi avevano lanciato moniti di questa portata: “La reazione israeliana all'unità palestinese avrà ripercussioni a livello regionale. (…) La resistenza palestinese è una minaccia per lo Stato ebraico, quindi Israele non lascerà 'Abbas unirsi all'estremismo di palestinesi e arabi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.