Ministero degli Interni a Gaza: 750 passeggeri hanno attraversato, il 1° novembre, il valico di Rafah verso l’Egitto.


Gaza – Infopal
. Il 1° novembre, 750 passeggeri palestinesi hanno lasciato la Striscia di Gaza per recarsi in Egitto attraverso il valico di Rafah, aperto in via eccezionale per tre giorni.
Ihab al-Ghusayn, portavoce del ministero degli Interni a Gaza, ha dichiarato che dodici autobus – di cui due carichi di ammalati – sono entrati in Egitto attraverso il valico, oltre a dieci ambulanze, sottolineando che il numero dei passeggeri in transito dalla Striscia di Gaza è di circa 750.

Al-Ghusayn, in un comunicato stampa, ha affermato: “Le operazioni al valico sono ben organizzate e ordinate, tant’è che i viaggiatori hanno notato i miglioramenti”, e ha osservato che il ministero, il 1° novembre, si aspettava la partenza di un numero più alto di persone (almeno 1.000 passeggeri).
Egli ha poi spiegato che il numero di cittadini che desiderano andare in Egitto e che si sono registrati presso il ministero degli Interni oltrepassa i 6.000, in aggiunta a quelli comunicati al ministero dalla parte egiziana.

Il 1° novembre, al mattino, le Autorità egiziane hanno aperto il valico di Rafah in entrambe le direzioni.

La Direzione delle frontiere ha annunciato l'apertura di questo passaggio per tre giorni, al fine alleviare le sofferenze degli assediati nella Striscia di Gaza da tre anni.

Secondo il coordinamento tra le parti egiziana e palestinese, il primo giorno e il terzo saranno riservati al passaggio di 2.000 cittadini palestinesi che desiderano viaggiare, mentre il secondo giorno sarà dedicato ai possessori di passaporti stranieri e alle liste coordinate dalla parte egiziana (si stima circa un migliaio di persone).

Il valico di Rafah, chiuso da tre anni, è stato aperto in via eccezionale in vari periodi al fine di permettere il transito dei malati, degli studenti e di tutti coloro che sono rimasti bloccati alla frontiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.