Ministero degli Interni di Gaza: ‘Puniremo gli agenti degli occupanti’

Rafah – Infopal. Fathi Hammad, ministro degli Interni del governo palestinese di Gaza, ha promesso agli occupanti israeliani di punire i loro agenti che operano in territorio palestinese.

Durante l'inaugurazione di un commissariato di polizia a Rafah, Hammad ha detto che “verrà il giorno in cui né l'esercito né i servizi segreti riusciranno ad arruolare loro agenti palestinesi”. I collaborazionisti con gli occupanti possono “approfittare della 'porta del perdono' che abbiamo aperto, prima che il ministero gliela chiuda in faccia”.

Il ministero degli Interni a Gaza ha intensificato la sua guerra psicologica contro lo Shabak israeliano che cerca di arruolare palestinesi nei suoi ranghi.

A tal scopo vengono usate le tv locali che godono di ampia popolarità tra gli abitanti della Striscia. Dai loro schermi il ministero si rivolge agli “agenti degli occupanti” esortandoli a consegnarsi.

La “porta del perdono” è un'iniziativa lanciata l'8 maggio scorso e che finirà il 10 luglio: verrà assicurata la vita a chi si autodenuncerà, inoltre la sua identità rimarrà segreta.

Fonti israeliane hanno riferito che alcuni collaboratori palestinesi sono stati scoperti di recente a causa di queste campagne lanciate dal ministero degli Interni di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.