Ministero dei Prigionieri: maltrattamenti e abusi sessuali sui minori palestinesi nelle carceri israeliane

Ramallah – InfoPal. In seguito a visite e sopralluoghi nel penitenziario israeliano di Etzion, gli avvocati del ministero per gli Affari dei detenuti hanno denunciato quanto attestato dai colloqui diretti con gli internati.

“Nei vari centri d’indagine e di interrogatorio israeliani sparsi nella provincia di Betlemme, i minori palestinesi hanno raccontato di aver subito abusi, maltrattamenti e molestie sessuali da parte degli ufficiali israeliani dello Shin Bet (servizi d’Intelligence).

Si tratta di bambini palestinesi d’età inferiore ai 18 anni, sequestrati dai soldati israeliani perché sorpresi a lanciare pietre contro i militari impegnati ad invadere i loro villaggi. Sono minori arrestati davanti alle scuole o prelevati nel corso di assalti mirati alle loro abitazioni.

Sono sottoposti ad ogni tipo di pressione – fisica e psicologica – e, quando questi abusi non vengono eseguiti per estorcere loro confessioni, viene fatto per prassi.

Similmente a quanto viene inflitto ai detenuti palestinesi adulti, anche ai bambini vengono negati i diritti umani fondamentali: vengono proibite loro le visite dei familiari, i ricambi di vestiario, e le cure mediche.

30 minori palestinesi attualmente detenuti da Israele, infatti, si trovano in condizioni critiche di salute: ci sono casi di avvelenamento nei confronti di dieci detenuti di Talmond che hanno consumato cibo in scatola, l’unico tipo di vitto che l’amministrazione penitenziaria israeliana provvede loro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.