Moschea di Al-Aqsa: i ministri palestinesi chiedono ai paesi arabo-islamici di interrompere relazioni con Israele e di espellere gli ambasciatori israeliani.

I ministeri palestinesi degli Affari religiosi e dell’Informazione hanno invitato tutti i popoli musulmani a comprendere l’enormità del pericolo che sta minacciando la Moschea Al-Aqsa, che fa parte della loro fede, religione e storia.

Il dott. Saleh Ar-Raqab, vice-ministro per gli affari religiosi, durante una conferenza stampa congiunta con il ministro dell’Informazione, Yousef Rizqa, ha dichiarato: “I popoli arabi devono mettere i loro governanti davanti alle proprie responsabilità come musulmani e indurli a proteggere la Moschea di Al-Aqsa dai piani del governo israeliano che intende demolirla e costruire al suo posto il presunto tempio ebraico”.

Ar-Raqab ha invitato la Conferenza islamica, la Commissione di Gerusalemme presieduta dal re del Marocco e le organizzazioni internazionali specializzate appartenenti alle Nazioni Unite e ai paesi arabi a far pressioni contro Israele per fermare i progetti contro Al-Aqsa.

 

Il vice-ministro dell’Informazione, il dott. Hasan Abu Hashish, ha invitato il mondo arabo-islamico a muoversi immediatamente per esprimere rabbia e rifiuto nei confronti dei progetti israeliani contro la Moschea Al-Aqsa, e ha chiesto agli stati arabo-islamici che intrattengono rapporti con Israele di interromperli ed espellere gli ambasciatori israeliani dai loro paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.