Nasce il canale satellitare al-Quds, diretto da Imad al-Ifrangi.

Di Mohammad Habib, corrispondente di Infopal da Gaza

“L’appuntamento è a Gerusalemme”: questo è lo slogan del nuovo canale satellitare al-Quds, lanciato recentemente.

All’interno di questa frase si possono trovare tutti i programmi del canale satellitare: la città di Gerusalemme occupata e la moschea al-Aqsa saranno l’obiettivo su cui catalizzare energie e comunicazione di tutti coloro che, nel mondo, amano la Palestina.
Il canale al-Quds offre tante novità per la stampa palestinese e araba: "la questione palestinese" verrà presentata con la voce e l’immagine, e cercherà di unire tutto il popolo, sia all’interno sia all’esterno. Questa, almeno, è l’intenzione dei responsabili.

Imad al -Ifrangi, direttore del nuovo canale satellitare, parla di "novità  per l’informazione araba e palestinese": "Il canale sarà rivolto a tutti quelli che amano la Palestina e Gerusalemme, e si occupano dei diritti del popolo palestinese".

Il canale al-Quds ha iniziato le trasmissioni di prova il 15 marzo, mandando in onda canti palestinesi, interviste, immagini della moschea al-Aqsa, a Gerusalemme, dei territori occupati, dei mercati, delle cittadine, della vita quotidiana. Il canale trasmetterà attraverso "Nailsat" e "Arabsat" (Badr 3).

Ifrangi ha precisato che la situazione palestinese e l’informazione hanno molto bisogno di questo tipo di canale: "I media palestinesi stanno vivendo un risveglio incompleto: non esiste collegamento tra i vari mezzi di informazione. La nostra emittente fornirà una comunicazione nazionale professionale e attendibile".

E ha aggiunto che il palinsesto prevede numerosi programmi di carattere politico, sociale, culturale. Verrà, inoltre, dedicato uno spazio ai bambini, alle donne e ai palestinesi all’estero.

Il canale, che è stato fondato dai dirigenti nazionali, di Gerusalemme e della diaspora, ha iniziato a trasmettere dal Bahrein e non dal Qatar (i costi erano troppo alti), ma verrà trasferito a Beirut.

Il linguaggio utilizzato sarà "unitario", allo scopo di riunire tutte le fazioni senza intaccare alcun diritto del popolo palestinese.
I programmi saranno trasmessi dall’estero, ma un’equipe specializzata lavorerà dalla Striscia di Gaza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.