Nella settimana scorsa, Israele ha confiscato 600 ettari di terra palestinese in Cisgiordania

Ramallah – InfoPal. L’Ufficio nazionale palestinese per la difesa delle terra e di resistenza alle colonie israeliane ha rivelato quanto segue: “Nella settimana appena trascorsa, fino al 7 luglio, le autorità d'occupazione israeliane hanno confiscato 600 ettari di terra palestinese a nord della Cisgiordania occupata”. 

Oltre 400 ettari di terra palestinese sono stati confiscati a Qalqilya, per espandere la colonia di Oranit. Con questa azione, più di 2mila ettari di terreni agricoli, in gran parte oliveti, restano isolati e i rispettivi proprietari palestinesi non potranno accedervi.

A Nablus, il governo israeliano ha confiscato 189 errati di terra del villaggio di Qaryut per costruire strade di servizio ad uso esclusivo dei coloni israeliani di ‘Ali.

Ma anche a Salfit, e nella regione centro meridionale con al-Khalil (Hebron) e Betlemme, sono state rilevate altre azioni di colonizzazione con centinaia di unità abitative progettate nelle colonie qui situate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.