Netanyahu al Congresso Usa: ‘Nessun Diritto al Ritorno e nessuna divisione di Gerusalemme. Anp riconosca carattere ebraico di Israele’

Washington – InfoPal.  Il rifiuto espresso pubblicamente negli Stati Uniti dal premier israeliano Benjamin Netanyahu quando ha affermato “Nessun ritiro dai confini della guerra del giugno 1967”, ha coinciso con altre negazioni: ritorno dei profughi palestinesi e divisione di al-Quds (Gerusalemme) in quanto “capitale eterna e indivisibile dello Stato di Israele”, secondo Netanyahu.

Parlando davanti al Congresso Usa, Netanyahu ha affermato ieri sera: “I mutamenti demografici che sono incorsi dal 1967 devono essere tenuti in considerazione e ribadisco qui che le frontiere tracciate (occupate, ndr) durante la guerra del 1967 non possono essere messe in discussione perché sarebbero indifendibili”. 

Poi, facendo uso di espressioni come “garanzia di libertà di culto per tutte le religioni”, il premier di Israele ha insistito sull'indivisibilità di Gerusalemme: “La contesa deve poggiare sulla creazione dello Stato palestinese e non sulla capitale. E' giunto il momento in cui anche l'Autorità palestinese (Anp) di Mahmoud 'Abbas riconosca il carattere ebraico dello Stato di Israele”.

Non poteva ignorare la riconciliazione palestinese, Netanyahu, scartandola in termini di credibilità a causa della presenza del Movimento di resistenza islamico palestinese, Hamas.

Infine, prima di concludere, il premier israeliano ha espresso l'apprezzamento del proprio Paese per gli Stati Uniti “miglior alleato e fedele amico di Israele nella lotta al terrorismo”.

Articoli correlati:

Ministro degli esteri del Lussemburgo: 'L'Ue sia unita contro la visione di pace di Israele' 

Abu Rudeina: 'Nessuno spazio lasciato alla pace da Netanyahu'

'Razzista e ingannevole' il discorso di Netanyahu per il governo di Gaza

'Nazione palestinese e resistenza'. Il Jihad islamico risponde al discorso di Netanyahu 

Hamas: 'Creare comitato di controllo arabo per la protezione dei diritti nazionali e per la resistenza'

Netanyahu: rompere l'accordo con Hamas

Dopo essere stato 'frainteso', Obama ribadisce le affermazioni sulle frontiere del '67 

Discorso di Netanyahu negli Usa: 'Nessun ritiro dai confini del '67. La questione dei profughi può considerarsi risolta così com'è' 

Obama: 'Stato palestinese entro le frontiere occupate da Israele nel 1967'

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.