Netanyahu minimizza le divergenze con Obama

Washington – Ma'an. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ritenuto di dover minimizzare le divergenze emerse tra il proprio discorso e quello del presidente Obama definendo i commenti “esagerati”.

Per mezzo del suo portavoce, Netanyahu ha messo in chiaro quanto i commentatori avevano definito “basata su illusioni” con riferimento alla risposta di Netanyahu alla visione di una pace regionale espressa da Obama.

“E' vero che abbiamo alcune divergenze d'opinione, ma si tratta di differenze amichevoli”.

Nell'ufficio del presidente Obama, venerdì, Netanyahu aveva rifiutato la proposta americana di un ritiro dalle linee di confine occupate nel 1967, e di uno scambio di terra reciproco nell'ambito di un quadro negoziale di pace.

“Israele è pronto a fare compromessi generosi per la pace tuttavia, non può ritirarsi dalle linee di confine del 1967 in quanto frontiere indifendibili”, aveva precisato Netanyahu la cui visita negli Stati Uniti durerà sei giorni.

In questo periodo di tempo Netanyahu incontrerà anche la potente lobby “American-Israel Public Affairs Committee” (Aipac) alla presenza dei sostenitori repubblicani del Congresso Usa.

Articoli correlati:

Dopo essere stato 'frainteso', Obama ribadisce le affermazioni sulle frontiere del '67

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.