Ni’lin: 13 palestinesi feriti negli scontri con l’esercito israeliano

Fonti mediche palestinesi della cittadina di Ni’lin hanno riportato che 13 palestinesi sono stati feriti da proiettili di gomma durante gli scontri con le truppe di occupazione israeliane, mentre decine di loro sono stati soccorsi per aver respirato i gas lacrimogeni.

L’esercito ha inoltre imposto il coprifuoco per il terzo giorno consecutivo, in seguito alle manifestazioni che si sono opposte alla costruzione di una parte del muro sui territori della cittadina, situata in Cisgiordania; si tratta di una serie di manifestazioni di protesta portate avanti dai cittadini locali da circa un mese.

Gli abitanti di Ni’lin hanno quindi riferito che l’esercito di occupazione ha arrestato, all’alba di oggi, tre giovani accusati di aver violato il coprifuoco, e ha poi effettuato una vasta operazione di perquisizione nelle loro case.

Oltre a ciò, e per il secondo giorno consecutivo, i militari hanno impedito l’arrivo nella cittadina dei mezzi d’informazione e dei giornalisti, chiudendo gli ingressi del paese con cubi di cemento e dichiarando Ni’lin “zona militare chiusa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.