Niente di nuovo in Egitto: riprendono a pieno regime i rapporti commerciali con Israele

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. L'ambasciata egiziana a Tel Aviv ha ripreso l'emissione dei visti ai cittadini israeliani che intendono recarsi in Egitto. 

Dopo un periodo di stallo conseguente ai disordini e ai cambiamenti di governo in Egitto, le attività diplomatiche tra i due Paesi, quindi, sono riprese a pieno regime. 

Analogamente ai rapporti diplomatici, anche quelli commerciali e produttivi tra Egitto e Israele sono ripresi a pieno ritmo. Sabato 5 marzo, ad un mese dalla chiusura di numerose fabbriche israeliane in territorio egiziano, è stata annunciata la loro riapertura. Si tratta principalmente di fabbriche del settore tessile la cui chiusura aveva fatto registrare allo Stato ebraico pesanti perdite. 

L'accordo in questione che lega i due Paesi è una convenzione sulle libertà commerciali con la creazione di una “Qualified Industrial Zone (Qiz)” in base alla quale oltre 230 aziende israeliane lavorano in terra egiziana, ma anche per potenziare le esportazioni della produzione congiunta verso gli Stati Uniti. 

Ulteriore conferma della ripresa dei rapporti tra Egitto e Israele è la visita ufficiale in Egitto, oggi, di Amos Gilad, presidente dell'autorità israeliana per la sicurezza. Al Cairo, Gilad ha incontrato il presidente del Consiglio militare egiziano, Hussein Tantawi. 

Secondo il quotidiano israeliano “Ma'ariv”, i due leader si sono scambiati mutue rassicurazioni sulla continuazione degli accordi stipulati in passato. Gilad inoltre, si è voluto sincerare con il collega egiziano della possibilità che il ministro della Difesa israeliano, Ehud Barak, potrà presto visitare l'Egitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.