Nile channel: condotti del gas distrutti dalla sicurezza di Fatah

Il Cairo – Pal-Info. I comitati popolari dell'area di al-'Arish, in Egitto, hanno lanciato una campagna per scoprire i membri di Fatah sospettati di essere coinvolti nel bombardamento dei condotti che portavano il gas in Giordania: lo ha riferito ieri il canale “Nile Sat”.

Secondo quanto riportato, i comitati hanno infatti individuato alcuni palestinesi – tra cui uomini della sicurezza affiliati a Fatah – che si muovevano nell'area dov'è avvenuta l'esplosione, notando che i membri di Fatah da loro avvistati vivono nell'area di al-'Arish.

Già in precedenza, altre fonti d'informazione avevano parlato di palestinesi appartenenti a Fatah, residenti in Egitto e responsabili degli attacchi lanciati da gruppi di mercenari contro le proteste pacifiche ed anti-regime degli ultimi giorni.

Gli attivisti egiziani hanno accusato anche il regime di nascondersi dietro il bombardamento delle condutture, con il quale avrebbe tentato di convincere il mondo che la sua caduta avrebbe provocato il caos e danneggiato gli interessi sionisti-americani nella regione.

Le proteste in Egitto sono giunte ormai al loro sedicesimo giorno, mentre i dimostranti si rifiutano di lasciare le piazze senza aver ottenuto le dimissioni di Mubarak.

Ieri, in occasione della “Giornata dell'amore per l'Egitto” – come l'hanno definita i manifestanti -, milioni di cittadini si sono radunati nelle diverse province. Al Cairo, la folla si è accalcata davanti all'Assemblea del Popolo, al Consiglio della Shura [si tratta delle due camere del Parlamento, ndr], al ministero dell'Interno e in piazza Ramses.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.