‘Non 835, ma 3mila i bambini palestinesi arrestati da Israele in 5 anni’. Il ministero dei Prigionieri risponde a B’Tselem

Gaza – al-Jazeera, InfoPal. Il ministero per gli Affari dei prigionieri del governo di Gaza è intervenuto per smentire il dato emerso dal rapporto pubblicato dall'organizzazione israeliana per i diritti umani “B'Tselem” relativo agli arresti di minori palestinesi da parte di Israele nel corso degli ultimi 5 anni.

“I dati contenuti nel rapporto di B'Tselem sono molto lontani dalla realtà, Israele infatti, ha arrestato almeno 3mila bambini palestinesi e non 835 come emerso dal rapporto di B'Tselem”.

Riyad al-Ashqar, direttore del centro per l'informazione del ministero, ha puntualizzato: “Nel rapporto di B'Tselem si sostiene che 'in cinque anni Israele ha arrestato 835 bambini palestinesi', ma si tratta di un dato che equivale al 25% appena del totale dei minori palestinesi arrestati da Israele nel periodo di riferimento”.

Al-Ashqar ha messo in chiaro: “Sono più di 3mila i palestinesi d'età inferiore ai 18 anni arrestati da Israele dal 2005 al 2010. Molti di essi sono ancora in prigione. Sono stati liberati in gran parte dopo diversi periodi di tempo, giorni, settimane o mesi trascorsi sotto interrogatorio come dopo aver scontato condanne, in alcuni casi, durate anni“.

Per al-Ashqar quindi, “i bambini palestinesi arrestati dal 2005 al 2010 da Israele sono oltre 3mila”, mentre un altro dato va considerato separatamente.

Solo nell'anno 2010, i bambini palestinesi tra i 15 e i 18 anni sequestrati da Israele sono stati mille, metà di essi sono residenti di al-Quds (Gerusalemme) e accade spesso che, come forma punitiva, questi bambini vengano allontanati dalle proprie case oppure costretti agli arresti domiciliari“.

La chiarificazione fatta da al-Ashqar non contiene però un rimprovero al lavoro svolto dall'organizzazione israeliana. Egli infatti ha anche specificato: “Pur ribadendo che il dato di B'Tselem sugli arresti dei minori palestinesi è errato, il lavoro svolto da quest'organizzazione resta valido per svelare la politica dell'aggressione israeliana, per condannarla e per agire in sede penale contro i responsabili“.

E' sulla base di dati aggiornati e veritieri che al-Ashqar ha chiesto alle realtà per i diritti umani di arrestare la corsa degli arresti contro i minori palestinesi.
“Tutte le convenzioni internazionali vengono violate, è ora di portare i responsabili israeliani davanti a un tribunale penale internazionale”.

Sui minori attualmente detenuti da Israele, al-Aqhqar ha riferito quanto segue: “Sono 280 i bambini palestinesi nelle prigioni di Israele, hanno tutti meno di 18 anni, un terzo ha appena 15 anni. Nelle prigioni di Israele, i bambini palestinesi subiscono forme maltrattamenti, abusi e tortura al pari degli adulti“.

Nello stesso contesto, il funzionario palestinese ha confermato anche la notizia dei tre minori egiziani scomparsi e poi rintracciati in una caserma israeliana perché sequestrati dalle guardie di frontiera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.