Norman G. Finkelstein: “Se Hamas deve essere smantellata, il governo israeliano deve essere smantellato 10 volte di più”

A cura di Lorenzo Poli. Norman G. Filkelstein è uno storico ed attivista ebreo statunitense, figlio di sopravvissuti ebrei del ghetto di Varsavia e del campo di concentramento di Auschwitz. Ha guadagnato notorietà nel 2000 con la pubblicazione del suo libro “L’industria dell’Olocausto” in cui sostiene che il sionismo sfrutti la memoria della Shoah come “arma ideologica” per garantire a Israele “l’immunità dalle critiche”.

Nei suoi scritti traccia perfettamente un parallelo tra le sofferenze dei palestinesi sotto l’occupazione israeliana e gli orrori nazisti, nella speranza che anche l’opinione pubblica ebraica capisca veramente la situazione in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

Recentemente, in una trasmissione televisiva ha preso di mira la narrazione del doppio standard occidentale, dichiarando: “Se Hamas deve essere smantellato per quello che ha fatto il 7 ottobre, allora se prendi l’operazione “Piombo fuso”, l’operazione “Pilastro di difesa”, l’operazione “Margine protettivo”, allora il governo israeliano deve essere smantellato 10 volte di più. Si chiama tenere un singolo standard. Vuoi parlare dei 290 ostaggi israeliani? Dico bene, ma poi parliamo anche dei 2.300.000 ostaggi gazawi”.

Un forte segnale che con semplicità smonta le menzogne e l’informazione di guerra volte a capovolgere le dinamiche di oppresso ed oppressore. Attualmente c’è in atto un genocidio con la complicità delle forze imperialiste occidentali e nessuno può negarlo.

(Fonte: No Justice No Peace Italy).

(Foto: Agenzia Anadolu).