Notte di furiosi attacchi aerei sulla Striscia: uccise altre 6 persone. 12 soldati israeliani uccisi dalla resistenza palestinese. Il bilancio del genocidio: 810 morti, 3400 feriti.

 

Gaza – Infopal. Questa notte, gli aerei da guerra israeliani hanno condotto decine di attacchi sulla Striscia di Gaza, colpendo case, famiglie, redazioni giornalistiche, negozi. Le aggressioni dell’aviazione avvengono in contemporanea ai bombardamenti delle forze di terra, concentrate, in particolar modo, nella fascia settentrionale.

Fonti mediche hanno riferito a Infopal che 6 persone sono state uccise e decine sono state ferite durante 40 raid, facendo salire il bilancio della carneficina, dal 27 dicembre a questa mattina, 15° giorno di bombardamenti, a 810 vittime e a oltre 3400 feriti, di cui 410 gravi.

Nonostante la risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu invocasse il cessate il fuoco, da ieri a questa notte, Israele ha condotto 70 attacchi, uccidendo 35 palestinesi.


Giornalisti nel mirino
. Ieri sera, il giornalista radiofonico Ala Mortaji è deceduto a seguito delle ferite provocate da un missile sparato da un carrarmato israeliano contro la sua abitazione,  situata nel quartiere di Zaitoun, nella città di Gaza.

Si tratta del terzo reporter ucciso in queste settimane.

Nella notte di venerdì è stata colpita anche la “Jawwhara media tower” che ospita circa 20 agenzie giornalistiche e studi di produzione.

Abitazioni nel mirino. Nella notte, l’aviazione israeliana ha colpito 9 case civili, di cui 3 nella città di Gaza, 2 a Rafah, una vicina all’ospedale infantile “Nasr”, un’altra a Qarara, un’altra nel campo profughi di An-Nuseirat, nella Striscia centrale.

La furia dell’aviazione da guerra israeliana si è abbattuta anche su un quartier generale della sicurezza palestinese e su un edificio della sicurezza civile (la polizia), a Khan Younes.

Le brigate della resistenza ieri hanno lanciato 20 razzi contro obiettivi israeliani, circa 646 dal 27 dicembre – secondo quanto dichiarato da fonti militari israeliane. Le Qassam hanno confermato di aver ucciso 12 soldati israeliani, di cui 8 a Beit Lahiya.

Si legga: Le brigate Qassam: 8 soldati israeliani uccisi.

Nel comunicato diramato dalle brigate al-Qassam si legge: “Alle ore 16,20, le brigate sono riuscite ad attaccare una casa occupata dai soldati sionisti, nel quartiere as-Salatin, a Beit Lahiya, a nord-ovest della Striscia di Gaza, uccidendone 8”.

Le brigate al-Qassam hanno dichiarato di aver ucciso altri 4 militari in diverse zone della Striscia di Gaza.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.