Obama-Abbas: accordo sull’agenda delle trattative indirette

 

Secondo fonti della Casa Bianca, il presidente Barack Obama ha chiamato in questi giorni il presidente palestinese, Mahmud Abbas, informandolo che le questioni che verranno trattate nei negoziati tra Israele e i palestinesi verteranno su problemi di status finale, in particolare confini e sicurezza.

Obama riterrà i palestinesi e Israele responsabili per qualsiasi atto arrivi a compromettere la fiducia nel dialogo, che sarà mediato dagli Stati Uniti.

Il presidente Usa ha aggiunto che la sua amministrazione sta cercando una soluzione che conduca alla formazione di uno stato palestinese in grado di esistere, e di vivere in pace e sicurezza a fianco dello stato d'Israele.

Obama e Abbas hanno quindi assentito insieme alla necessità di concentrarsi sulle questioni citate sopra, e di evitare atti provocatori.

Il presidente americano ha anche assicurato di essere impegnato nel processo di pace, dal momento che la pace rientra negli interessi americani, arabi, palestinesi, israeliani e internazionali.

Ha quindi espresso la propria disponibilità a ricevere Abbas a Washington nei prossimi mesi, in modo da discutere in maniera estensiva su come giungere a una fine pacifica del conflitto.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.