Olmert è ‘persona non gradita’ in Italia.

Olmert è "persona non gradita" in Italia
 
Mercoledi 13 dicembre, ore 17.30
manifestazione a Piazza SS. Apostoli a Roma
 
Il governo italiano intende ricevere mercoledi 13 dicembre il premier israeliano Olmert ossia il responsabile della mattanza dei palestinesi a Gaza (456 uccisi solo da giugno a oggi) e del mattatoio di questa estate in Libano (centinaia di morti e migliaia di sfollati). Pochi giorni fa il governo italiano ha negato il visto di entrata in Italia al ministro palestinese dell’informazione. Il governo Prodi continua a rendere vigente l’accordo di cooperazione militare tra Italia e Israele siglato dal governo Berlusconi mentre mantiene in vigore l’embargo contro la popolazione palestinese. Siamo ben oltre i due pesi e due misure. Noi, al contrario, riteniamo che l’Italia non debba essere in alcun modo complice con l’occupazione israeliana della Palestina e con uno Stato militarista e aggressivo contro i popoli e i paesi confinanti.
Mercoledi 13 dicembre saremo in piazza con una manifestazione in piazza SS. Apostoli. Ci faremo sentire con le nostre parole e con un cacerolazo. Proietteremo in pubblico i documentari sugli effetti delle nuovi armi utilizzate dall’esercito israeliano a Gaza e in Libano.
Invitiamo tutti a essere in piazza con noi per far sapere che Olmert in Italia è una "persona non gradita".
 
P.S. Per la stampa
 
Sulle base delle esperienze accumulate in questi anni e in base alle richieste che perverranno dalla varie redazioni sarà possibile assistere e riprendere a:
– bruciatura di una o più bandiere (di vari tagli e di vari paesi a secondo delle richieste)
– bruciatura di uno o più pupazzi (di varia fattura e dimensione)
– slogans irripetibili   (in coro)
– slogans indicibili    (in coro)
– slogans desueti    (in coro e in assolo)
 
Inoltre, saranno disponibili e già pronti i modelli per i comunicati stampa che prevedono:
– fac simile comunicato stampa di esecrazione per le bandiere bruciate
– fac simile comunicato stampa di indignazione per i pupazzi bruciati
– fac simile comunicato stampa di stigmatizzazione per gli slogans indicibili, irripetibili o desueti
 
I comunicati saranno già pronti e conformeranno i servizi dei tg serali e delle pagine dei giornali il giorno successivo. I dichiaranti dovranno solo apporre la propria firma al fac simile del comunicato. La possibilità di poter usufruire dei servizi "telegiornale unico" e "giornale unico" sono rigorosamente bipartizan.
 
Cari giornalisti ma perchè vi dovete far trattare così?!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.