Olmert: 'I capi di Hamas saranno puniti per il lancio di missili contro i territori israeliani'. Il governo di Israele decide escalation.

Il primo ministro israeliano, Ehud Olmert, ha confermato ieri, domenica 20 maggio, che Hamas e i suoi capi saranno "puniti" per il lancio dei missili contro i territori israeliani, garantendo, nello stesso tempo, l’appoggio del governo agli abitanti di Sderot e la costruzione di locali sicuri che costeranno dai 300 a 500 milioni di shekel.

Olmert ha avvertito che Israele potrà rafforzare la propria risposta militare se proseguirà il lancio di missili dalla Striscia di Gaza.

La radio ufficiale di lingua ebraica ha riportato quanto ha detto Olmert all’inizio della seduta settimanale di governo: “Se le nostre operazioni militari e diplomatiche non porteranno alla calma richiesta, saremo costretti a rafforzare i nostri movimenti”.

La radio dell’esercito israeliano ha riportato quanto dichiarato da fonti della sicurezza israeliana: il governo israeliano è propenso a un’operazione militare di terra contro la Striscia di Gaza nel caso dovessero proseguire i lanci di missili e il fallimento delle pressioni praticate contro le fazioni palestinesi.

Le fonti hanno chiarito che Israele si è rivolta a qualche paese arabo per premere su Khaled Misha’al, capo dell’ufficio politico di Hamas a Damasco, per fermare il deterioramento della sicurezza sulla frontiera con la Striscia, precisando che lo stato ebraico ritiene l’Arabia Saudita il Paese che può esercitare un’influenza su Hamas.

Ieri, il Consiglio dei ministri ha autorizzato l’esercito israeliano a rafforzare "le azioni militari contro i capi dei movimenti i Hamas e del Jihad Islami in risposta al proseguimento del lancio dei missili”.

Il Consiglio ha autorizzato l’esercito a colpire le infrastrutture delle organizzazioni palestinesi che "stanno dietro il lancio dei missili".

Le fonti hanno riferito che la decisione del Consiglio dei ministri di eliminare i capi di Hamas e del Jihad Islami sarà accompagnata da una campagna politica e pubblicitaria che spiega all’opinione pubblica internazionale i motivi di questo passo, considerato un’ulteriore escalation dei piani israeliani.

Il Consiglio ha accolto il punto di vista del primo ministro israeliano Ehud Olmert a non effettuare un’operazione militare terrestre su larga scala in questo periodo, ma a privilegiare l’aumento degli attacchi dell’aviazione volti a colpire le infrastrutture legate al lancio e della fabbricazione dei missili.

Da parte sua, il ministro israeliano Meir Sheetrit ha confermato la necessità di "non allarmarsi e mantenere la calma spiegando che le migliaia di missili caduti su Sderot e d’intorni hanno ucciso solo 4 persone".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.