Oltre 17.000 nuovi immigrati nello Stato ebraico, nel 2009

An-Nasira (Nazareth) – Infopal. Dati ufficiali diffusi dall'Agenzia ebraica riferiscono che nel 2009 lo Stato ebraico ha accolto 17.880 nuovi immigrati; il 18% in più rispetto all'anno precedente.

I dati, pubblicati dal quotidiano “Haaretz” il 6/9, riferiscono che gli immigrati a Tel Aviv, nel 2009, sono circa 5.000. Si tratta di persone, perlopiù anglofone, che vengono da “Paesi ricchi” come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Canada.

Altri immigrati (oltre 7.000) sono giunti dai Paesi dell'ex Unione Sovietica e dall'Europa Orientale, con un aumento di circa il 16% rispetto al 2008. Il resto dei nuovi emigrati proviene dall'America del sud e dall'Etiopia, ma anche dall'Australia, dalla Nuova Zelanda e da altri Paesi.

Il presidente dell'Agenzia Ebraica, Nathan Sharansky [celebre ex “dissidente sovietico”, ndr], ha commentato i dati affermando che “l'immigrazione è una risorsa strategica per lo Stato ebraico, ed è la concreta dimostrazione del senso di appartenenza di tutti gli ebrei del mondo alla società israeliana”. E ha poi osservato che il sensibile aumento della percentuale di immigrati giunge dopo una “tendenza nettamente di segno contrario” registrata negli scorsi otto anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.