Oltre 40 morti e 187 feriti tra la popolazione palestinese negli ultimi due giorni di atrocità israeliane.

Da www.maannews.net

Il ministro della Sanità palestinese, il dott. Basim Na’im, ha reso noto che il bilancio delle perdite e dei feriti negli attacchi israeliani nelle ultime 48 ore è salito a 40 morti – di cui uno nella West Bank – e 187 feriti – di cui 23 nella West Bank e il resto nella Striscia di Gaza.

Tra le vittime ci sono 6 corpi ridotti a pezzi. Na’im ha dichiarato che il personale medico-sanitario è preso di mira dagli israeliani in un modo che non ha precedenti.

Da parte sua, Yousif Rizqa, ministro dell’Informazione, ha accusato la comunità internazionale, e soprattutto, Kofi Annan, di essere "responsabile delle atrocità commesse dagli israeliani a Gaza e nella West Bank". E ha aggiunto: "L’occupazione non avrebbe raggiunto questo livello di criminalità e assedio se l’amministrazione americana non la stesse appoggiando in assenza di una posizione unitaria dell’Europa".

Come dargli torto??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.