Omicidio della famiglia di coloni: fermati e interrogati operai thailandesi

Nablus. Oggi pomeriggio, le forze israeliane hanno fermato tutti i lavoratori thailandesi impiegati nell'insediamento illegale di Itamar, luogo dove si è consumato l'assassinio di un'intera famiglia di coloni , i Fogel, e li hanno trattenuti per gli interrogatori. 

E' quanto riporta il sito dell'agenzia palestinese Ma'an, che riferisce da fonti “vicine ad alcuni operai thailandesi” che essi sono stati trattenuti proprio in relazione all'omicidio della famiglia di coloni.

Anche Qudsnet ha diramato la stessa notizia: Omicidio della famiglia di coloni, emergono nuove ipotesi: 'la vendetta di operai di origine asiatica'.

Già nella mattinata di sabato circolavano ipotesi che scagionavano i palestinesi, puntando invece su altre piste.

Come è noto, ai palestinesi è vietato lavorare negli insediamenti israeliani della Cisgiordania, mentre viene impiegata manodopera straniera, soprattutto da Thailandia e Filippine. E' altrettanto noto che i coloni sono abituati a trattare i lavoratori stranieri come una sorta di “servi della gleba”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.